Tutte le sentenze

La presente sezione raccoglie alcune massime giurisprudenziali, in liti in cui è stato parte il nostro studio legale, considerate di particolare interesse. In ogni massima le parti virgolettate riguardano estratti di sentenza, mentre per la parte restante trattasi di commento redazionale.

Legge Pinto – equa riparazione irragionevole durata processo – tempestività del ricorso – art. 1, comma 777, lett. b) della L. 28.12.2015 n.208 - inapplicabile ante 31.10.2016 – irragionevolezza della durata – applicazione riduzione per rigetto della domanda nel giudizio presupposto – liquidaz

14.10.2022 CORTE DI APPELLO DI ANCONA SECONDA SEZIONE CIVILE – Decreto nr. 2324/2022 del 14.10.2022 - Est. Ercoli

14/10/2022   Sul ricorso ex art. 3 L. 24.03.2001 n. 89 e successive modifiche, depositato dal ricorrente volto ad ottenere il riconoscimento dell’equa riparazione per la irragionevole durata del giudizio cd. presupposto promosso dinanzi al Tribunale Amministrativo Regionale. “….. ritenuta la tempestività del ricorso, ex art. 4 L. 89/2001 non essendo decorso il termine di 6 mesi dal passaggio in giudicato della sentenza del Consiglio di Stato; ritenuto che secondo quanto previsto dall’art. 2 della L. 24 marzo 2001 n. 89, si considera rispettato il termine ragionevole di cui al comma 1, se il processo non eccede la durata di tre anni in primo grado, di due anni in secondo grado, di un anno nel giudizio di legittimità e che ai fini del computo della durata il processo si considera iniziato con il deposito del ricorso introduttivo del giudizio ovvero con la notificazione dell’atto di citazione; inoltre si considera comunque rispettato il termine ragionevole...

Ordinanza collegiale – istanza di accesso ex art. 116 co. 2 cpa – appellabilità avanti al Consiglio di Stato – questione pregiudiziale – rilevanza - sospensione impropria del giudizio ex art. 79 cpa – Adunanza Plenaria

13.10.2022 – Consiglio di Stato Sez. VII - ordinanza nr. 8716/2022 Pres. Franconiero – Rel. De Berardinis

14/10/2022 Veniva impugnata l’ordinanza collegiale del Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche, con la quale è stata dichiarata improcedibile l’istanza di accesso ex art. 116, comma 2, c.p.a., presentata in via incidentale dalla ricorrente nel ricorso principale, pendente avanti al Collegio di primo grado.   “….Visti gli artt. 79, comma 1, e 80, comma 1, c.p.a.; Considerato: - che con il ricorso in epigrafe la ricorrente ha impugnato l’ordinanza collegiale del T.A.R., chiedendone la riforma; - che l’ordinanza appellata ha dichiarato improcedibile per sopravvenuta carenza di interesse l’istanza incidentale di accesso proposta dall’appellante ai sensi dell’art. 116, comma 2, c.p.a., nell’ambito del giudizio …principale; - che si è costituita in giudizio l’appellata depositando di seguito documenti sui fatti di causa; - che si è costituito altresì il controinteressato, depositando successivamente...

Contratto locazione uso diverso – risoluzione – clausola risolutiva espressa/messa in mora (incompatibilità) – pagamento successivo alla contestazione – grave inadempimento - ammissibilità domande ed eccezioni nuove ex art. 426 cpc.

14.10.2022 Tribunale Pesaro – Sent. 684/2022 – Est. Mosci

14/10/2022 La società X cita in giudizio la conduttrice con atto del 20/5/2022al fine della convalida dello sfratto per morosità dall’immobile condotto da quest’ultima in locazione per uso diverso dall’abitazione. La attrice ha allegato il mancato pagamento di n. 5 canoni mensili di locazione. La conduttrice si è costituita con opposizione con la quale ha dato atto del pagamento, nelle more, dei canoni maturati ed ha rilevato che la imputazione non era stata fatta in ragione dei canoni più antichi scaduti. …“Alla udienza di comparizione delle parti è stata disattesa la istanza di emissione di ordinanza di rilascio dell’immobile, ex art. 665 cpc ed è stato disposto il mutamento di rito ai sensi dell’art. 667 cpc con la concessione dei termini ex art. 426 cpc. …Deve ritenersi, innanzitutto, la ammissibilità delle domande ed eccezioni formulate dalle parti nelle memorie ex art. 426 cpc (cfr. Cass. Sez....

Ordinanza Presidenziale ex art. 708 c.p.c. – obbligo del pagamento dell’assegno di mantenimento fissato dal Presidente – decorrenza dell’obbligo dalla pronunzia dell’ordinanza e non dal deposito del ricorso.

29.9.2022 – Trib. di Urbino - Sent. 281/2022 - Est. Trebbi

04/10/2022 (omissis) … “SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto di citazione con contestuale istanza di sospensione del 3.11.2021, ritualmente notificato, il sig. X proponeva opposizione avverso l’atto di precetto notificatogli in data (omissis) ad istanza della moglie, Y, e del figlio, W, per il recupero della complessiva somma di € (omissis), asseritamente dovuta quali arretrati a far data dal deposito del ricorso per separazione da parte della sig.ra Y, del mantenimento stabilito ex art. 708 c.p.c. dal Presidente del Tribunale in favore della moglie e dei figli. Si costituivano nella fase di sospensiva la sig.ra Y ed il sig. W, insistendo per il rigetto dell’istanza cautelare presentata dall’odierno opponente e all’esito dell’udienza del 15.12.2021, con provvedimento in data 16.12.2021, questo sospendeva l’efficacia esecutiva del titolo e rinviava per il merito all’udienza del 24.03.2022. Tale ordinanza veniva reclamata e il reclamo veniva accolto...

Separazione personale coniugi – provvedimenti del G.I. ex art. 709 ultimo comma c.p.c. – reclamabilità - esclusione

18.8.2022 – Trib. di Urbino ordinanza –– Pres. de Leone - Est. Colella

30/09/2022 … “sul reclamo proposto in data (omissis) da X nel procedimento R.G. n. (omissis) osserva quanto segue oggetto di reclamo è l’ordinanza emessa in data (omissis) nel procedimento di separazione personale tra coniugi n.r.g. (omissis) pendente tra X e G, a mezzo del quale è stata rigettata l’istanza di revoca, presentata ai sensi dell’art. 709 ultimo comma c.p.c. del provvedimento presidenziale reso ai sensi dell’art. 709 c.p.c. in data (omissis). Con il predetto provvedimento è stata disposta l’assegnazione a X dell’appartamento sito in W, Via (omissis); ad avviso della reclamante invece la villa in locazione sita in Y, Via (omissis) rappresenterebbe l’unica sistemazione idonea a costituire abitazione familiare, sia in quanto l’appartamento di W è oggetto di esecuzione forzata e pertanto prossimo alla vendita, sia in virtù dello stretto legame affettivo sussistente tra i figli, di cui uno minorenne,...

Concorso pubblico – nuova procedura e mancato scorrimento graduatoria – analoghi requisiti partecipazione e contenuto prove – favore generale verso lo scorrimento – stabilizzazione art. 20 D.lgs 75/2017 – obbligo motivazione atti di programmazione generale – adunanza plenaria n. 14/2011

7.9.2022 Consiglio di Stato Sez. V – Sent. N. 7780/2022 - Pres. Caringella - Est. Manca

13/09/2022 L’appellante aveva partecipato al concorso indetto dall’Ente Regionale per l’abitazione pubblica con bando 2016, per la copertura di un posto con contratto a tempo indeterminato part time 50%, profilo professionale di «esperto amministrativo» (categoria Dl), con successiva determinazione dirigenziale 2020, l'ERAP indiceva una nuova procedura di reclutamento per l’assunzione di 5 unità di personale da inquadrare in categoria D, profilo professionale di «esperto area amministrativa», senza invece procedere allo scorrimento della precedente graduatoria. Con ricorso innanzi al Tribunale amministrativo regionale per le Marche, la dr.ssa X impugnava il bando di concorso del 2020 e gli atti presupposti di programmazione del fabbisogno di personale, contestando la scelta dell’ente di bandire un nuovo concorso anziché scorrere la graduatoria finale del concorso del 2016, ancora efficace, nella quale risultava...

© Artistiko Web Agency